IMG-20180105-WA0001

L’anno nuovo, per il Comune, si è aperto con un’altra donazione di libri alla biblioteca dopo quelle ricevute, l’anno scorso, da un anonimo benefattore sommatinese e da un donatore deliano, Orazio Strazzeri.

Anche questa volta si tratta di un cospicuo numero di libri, molto interessanti, tra i quali spiccano alcuni testi di letteratura italiana, le cui edizioni risalgono al 1855 e 1860.

I donatori, che sono stati accolti al Comune dal capo di gabinetto Carmelo Alessi, hanno chiesto l’anonimato. Quello che si sa e che sono due cittadini nisseni e che i libri donati alla biblioteca provengono dalla loro collezione familiare. Uno dei due donatori è un maestro, amante di storia locale, di letteratura e di cultura generale.

<< Ancora un gesto encomiabile da parte di persone che amano i libri e la cultura – ha detto il sindaco Gianfilippo Bancheri. E’ un gesto che commuove per l’alto senso civico e che aggiunge un’altra bella pagina alla storia di Delia. I due donatori, che a nome mio, dell’amministrazione comunale e di tutta la collettività, ringrazio pubblicamente hanno scelto di restare anonimi, dimostrando cosi la loro disinteressata generosità. A loro ci sentiamo di dire che oggi la loro donazione ci rende felici e ci incoraggia ad andare avanti lungo la strada intrapresa per promuovere la crescita della nostra comunità>>.

I ringraziamenti dell’assessora alla Cultura, Piera Alaimo: <<La biblioteca comunale, con questo ulteriore contributo, si arricchisce di altri volumi di particolare interesse bibliografico e culturale che aumentano di fatto l’offerta di lettura>>.

I volumi che si trovano nella biblioteca comunale di via Petilia, verranno messi a disposizione del pubblico per la lettura e la consultazione dopo che verrà completata la loro catalogazione.

Tra i libri donati c’è pure una collezione di supplementi del Giornale Di Sicilia, rilegati e raccolti in eleganti raccoglitori.

IMG-20180105-WA0003

UFFICIO STAMPA/Giovanni Proietto