Foto convenzione con ASSDProtocollo firm 2Protocollo firma 1

12 agosto 2020

Firmato nella mattinata di martedì 11 agosto un protocollo d’intesa, della durata di dieci anni, tra il Comune e l’Associazione Settimana Santa Delia, per la cessione in comodato d’uso gratuito dell’immobile comunale di Piazza Castello, destinato a museo, attualmente in disuso.

L’accordo è stato siglato dal sindaco Gianfilippo Bancheri e dal presidente dell’Associazione Orazio Rumeo. Era presente il vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici Calogero Lo Porto.

<<In questo modo – ha dichiarato il sindaco Bancheri – vogliamo preservare l’immobile dal potenziale degrado a causa del disuso e per la mancanza, dovuta alle difficoltà di bilancio, della manutenzione ordinaria, che ora sarà a carico dei comodatari. Si tratta di un’iniziativa innovativa e interessante che nasce dalla continua collaborazione con le associazioni locali che cerchiamo sempre di promuovere e sostenere perché sono una risorsa fondamentale per la crescita culturale e sociale del paese e una ricchezza per tutta la comunità>>.

Il Presidente dell’Associazione Settimana Santa di Delia, Orazio Rumeo, il Direttivo e i Soci, hanno ringraziato vivamente il sindaco Bancheri e la giunta municipale <<per la continua vicinanza e l’attaccamento alle manifestazioni folcloristiche religiose della Settimana Santa. La disponibilità e la sensibilità manifestate nei confronti dell’Associazione – hanno detto – spingono tutti perché le festività del 2021 vengano realizzate con maggior passione ed entusiasmo. A loro va il nostro più vivo ringraziamento per la concessione di alcuni locali del Museo alla nostra Associazione>>.

Il protocollo d’intesa prevede una gestione indipendente dei locali del museo con responsabilità diverse a carico del gestore e dell’associazione Settimana Santa Delia.

L’associazione allestirà al terzo piano dell’immobile, con destinazione Museo, una mostra permanente degli abiti e delle attrezzature utilizzate nelle rappresentazioni che mette in scena nel periodo pasquale e che rimarranno di proprietà dell’associazione

Ufficio Stampa/Giovanni Proietto