DSCF4327DSCF4360Dalla Francia a Delia per rivedere il paese natio, i luoghi dell’infanzia, i suoi familiari, la sua terra.

Ad accogliere al Comune Santo Petrantò l’assessora alla Cultura Piera Alaimo e l’assessore all’Agricoltura Antonio Gallo, che gli consegnano, da parte del Sindaco Gianfilippo Bancheri, una una pergamena ricordo per omaggiare la sua presenza a Delia.

Sono passati sessantadue anni da quando Petrantò, all’età di tre anni, partì con la famiglia alla volta di Turquois. Oggi Santo Vive a Bailleul, nella Fiandra francese, ed è un esperto di nuove tecnologie per la stampa in tre dimensioni. Può vantare un laboratorio con una stampante capace di fabbricare oggetti in 3D di grande formato, “l’unica esistente – ha detto – a Nord di Parigi”, che riesce a stampare oggetti fino ad un metro cubo di volume>>.

<<Siamo felici di averlo avuto tra di noi – ha detto il sindaco Gianfilippo Bancheri che non è potuto essere presente alla cerimonia. Dopo più di mezzo secolo è voluto ritornare, per rinsaldare le radici e l’identità originaria con la sua terra. Quella di Santo è una bella storia, ha aggiunto. Una storia semplice ma autentica. La storia di chi è emigrato per cercare lavoro lontano dalla propria terra ed ha avuto successo. Oggi abbiamo voluto lasciare traccia di ciò, in modo che non vada perduta>>.

<<All’ammninistrazione – ha detto da parte sua l’assessora Piera Alaimo – fa piacere accogliere quei concittadini, che pur avendo vissuto all’estero per così tanto tempo, mettendo lì nuove radici, mantengono ancora vivi e saldi i legami con la loro terra d’origine e oggi la sua presenza in quest’aula ne è testimonianza. E di questo siamo fieri. Santo è una persona cordiale. Parla l’italiano ed anche il dialetto deliano: <<me l’hanno insegnato i miei genitori che mi hanno tramandato l’amore per il mio paese e per le tradizioni – ha detto con orgoglio>>.

Alla breve e commovente cerimonia, oltre al sindaco, all’assessora alla Cultura Alaimo e all’assessore Gallo, erano presenti il presidente della Pro Loco, Angelo Montebello, che ha voluto rimarcare con la sua presenza il valore dell’iniziativa. Presenti anche un gruppo cittadini francesi in tour in Sicilia con Petrantò.

Un rinfresco con assaggi di prodotti tipici offerti dalle aziende locali al termine della cerimonia.

Ufficio Stampa/Giovanni Proietto