IMG_20190415_170721

E’ stato presentato lunedì 15 aprile , presso i locali della scuola elementare, “Mens sana in corpore sano, il progetto di educazione alimentare redatto dalla biologa nutrizionista Emanuela Borzellino per le alunne e gli alunni della scuola dell’infanzia e della scuola primaria.

<<Il progetto è stato finanziato con i fondi della Democrazia partecipata – ha detto il vice sindaco Calogero Lo Porto che ha portato i saluti del sindaco. Come amministrazione siamo soddisfatti di avere innescato un processo nuovo che riveste una rilevanza sociale e culturale di notevole portata non solo per il personale scolastico ma per l’intera comunità>>.

Il dirigente dei Servizi sociali Rocco Di Caro, che seguirà l’iter attuativo, ha spiegato durante la presentazione del progetto che <<la sua finalità è la prevenzione del sovrappeso e dell’obesità e la promozione di un’alimentazione varia e corretta per evitare stati carenziali di nutrienti fondamentali per lo sviluppo e il benessere del bambino. In questo percorso – ha sottolineato Di Caro – il personale docente, le alunne e gli alunni, per la prima volta, saranno affiancati da una biologa nutrizionista responsabile del progetto>>.

<<L’obesità infantile rappresenta infatti un fattore di rischio per l’insorgenza di patologie cronico-degenerative e la prevenzione rappresenta la strategia migliore per ridurre tale fattore di rischio – ha spiegato la dottoressa Emanuela Borzellino che ha ringraziato l’amministrazione comunale per aver reso possibile l’iniziativa di democrazia partecipata. Risultano quindi fondamentali – ha aggiunto – gli interventi di promozione e di educazione alla salute che mirano a modificare stili di vita sedentari e scorrette abitudini alimentari nella popolazione infantile. Educare i bambini è particolarmente importante perché possano diventare adulti sani>>.

Per l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e la FAO “l’educazione alimentare comprende tutte le azioni che hanno come scopo quello di migliorare lo stato nutrizionale di individui attraverso la promozione di corrette abitudini alimentari e la rimozione di quelle scorrette”.

Mens sana in corpore sano” ha quindi come obiettivo principale – ha aggiunto Emanuela Borzellino – quello di aiutare i bambini a riflettere sull’alimentazione e sulle proprie abitudini alimentari per offrire loro lo spunto per aprirsi alla scoperta di nuovi sapori e gusti>>.

Le attività progettuali saranno svolte in una dimensione ludica poiché il gioco – ha detto infine – costituisce il terreno privilegiato della pedagogia della prima infanzia.

All’incontro erano presenti anche la … Giuseppa Strazzeri e l’assessora ai Servizi sociali Piera Alaimo.

UFFICIO STAMPA/Giovanni Proietto